Inconsapevole Days 2018: punk rock sotto le stelle!

I giorni 10 e 11 Agosto, nella cornice balneare della Terrazza Mascagni di Livorno, più precisamente nel Tiki Garden del Surfer Joe, si è svolta l’edizione 2018 del mini festival Inconsapevole Days. Quest’anno la due giorni è stata impreziosita dalla presenza di due bands internazionali che per la prima volta si esibivano in Italia, The Lillingtons (USA) e F.O.D. (Belgio).
I palchi quest’anno erano ben due, il main stage e un palchetto piccolo riservato ad un intrattenimento acustico.
La serata del venerdì si è aperta con l’esibizione acustica di Pyker Lachiver e Mike Noegraf, appena dopo il tramonto, dando un tocco romantico alla situazione. Dopo le 22 la festa si è spostata al main stage dove i Chromosomes ci hanno fatto cantare e ballare per una mezz’ora, lasciando poi il palco agli americani Lillingtons che hanno trascinato il pubblico, giunto numeroso all’evento, sparando una hit dietro l’altra.
I quattro energumeni del Wyoming hanno sfidato le calure estive vestiti di nero, dando l’idea di essere un gruppo metal satanico prestato all’Onetwothreefour. Dopo questa doppietta, Yotam Ben Horin (Useless ID), dal palco acustico, ha aiutato il pubblico sudatissimo ed esausto ad espellere tutte la tossine, supportato da una leggera brezza serale e dalle birre del furgoncino degli hotdog.
La serata del Sabato è iniziata intorno alle 21 sul palco acustico, dove si sono alternati una decina di artisti, tra cui Totonno e Basile dei Duff e i Wasei Hey! Go!, mentre sul main stage si allestiva il set per i 7Years e i F.O.D., quando ormai il sole era tramontato.
I 7Years sono rimasti sul palco per una quarantina di minuti, proponendo un hc melodico molto tecnico, suonando un po’ tutto il loro repertorio sia nuovo che vecchio. Emozionante e sorprendente l’intermezzo della proposta di matrimonio di Diego alla sua storica compagna Nadine.
Diego, ormai in trance agonistica, si è poi lanciato in una versione ultra punk di “(You Gotta) Fight For Your Right (To Party)” dei Beastie Boys, lasciando così il pubblico su di giri per i F.O.D. che non hanno tradito per niente le attese.
I quattro tipacci Belgi sono saliti sul palco carichissimi e si sono dimostrati una grande band punk hc, con entusiasmanti scelte artistiche, arrangiamenti curatissimi e un’enorme carica trascinando il pubblico. Curiosa la line up, che prevedeva uno schieramento 3+1, ovvero i tre del gruppo più la presenza di un corista animatore eccezionale, sia nel supportare le melodie, sia nel caricare il pubblico.
A fine serata, la festa si è spostata al primo piano del locale, per un after party incredibile, dando spazio e sfogo alla maggior parte dei musicisti che si sono esibiti nei due giorni, formando bands miste e interessanti e suonando le più belle cover, dai Green Day ai Nofx, dai No Use For A Name ai Lagwagon e Bad Religion. La serata è finita nel delirio più totale fino a notte inoltrata.
Cosa ci hanno lasciato gli Inconsapevole Days 2018?
Punk, hc, magliette nere, polvere, sudore, bacchette rotte, bicchieri di birra vuoti, salmastro, vans e all star, gente da tutta Italia, mozziconi, telefoni e go pro e neuroni spiaccicati in terra persi da chissà chi.

Massi e Ruiha

Please follow and like us:

Leave a Comment

Solve : *
1 + 13 =