[LIVE REPORT] Beastie Bo-Antifa Edition @Crash!

Per iniziare col botto quello che si preannuncia un autunno “caldo” musicalmente e politicamente, sfrutto a mio favore la disoccupazione, e in infrasettimanale mi vado a beccare due delle band Rapcore più seguite al momento: i savonesi Dsa Commando, ormai abituèe dei live al fulmicotone nei posti occupati della penisola, e gli ospiti d’eccezione, i Moscow Death Brigade dalla ex Unione Sovietica, Militant Rap per antonomasia. Arrivato sul posto dopo il solito viaggio della speranza, ho l’occasione di ammirare per la prima volta la nuova occupazione effettuata dai ragazzi del Crash dopo l’infame sgombero dell’anno scorso, una ex banca con una struttura nuova di pacca: una goduria! Dopo le solite chiacchiere di rito mi dirigo underground dove è situato il palco concerti e mi vedo una parte del live dei Banana Spliff da Ancona, Hip hop vecchia scuola con qualche influenza più moderna, che iniziano a rompere il ghiaccio. Dopo pochissimo salgono sul palco i Dsa, che snocciolano uno dietro l’altro i loro cavalli di battaglia con liriche per nulla carine nei riguardi del potere politico e del perbenismo “italian style”, che vengono cantate a squarciagola dai loro fan sottopalco. Scaldati i motori ecco i Moscow partire subito a mille con alcune delle loro canzoni più ignoranti, tra cui “Ghettoblaster”, “It’s us” e “Viking’s life”. Alle basi Punk dei primi Ep seguono però quelle più elettroniche dell’ultima loro fatica, “Boltcutter”, e la loro mascotte con costume da coccodrillo che li accompagna e fomenta ancor di più la presa a bene. Il Crash si conferma gran bella realtà, quindi a presto vecchi!

Live report di Riccardo Santi

Please follow and like us:

Leave a Comment

Solve : *
21 − 20 =