Recensione: The Bounders – S/T Ep

L’esordio dei ‘The Bounders’ con l’Ep omonimo.

The Bounders‘ nascono a Pescara nel 2016 dall’incontro fra Gian Marco Toracchio, Riccardo Cilli e Mattia De Luca. Quasi per caso iniziano a scrivere brani e portare in tour le loro creazioni per calcare nel solo giro di due anni i palchi con Nashville Pussy, CUT, The Peawees e molti altri.

Il loro primo Ep merita quindi grande attenzione e non potevamo lasciarci sfuggire l’occasione di recensirlo.

Le linee di basso power e i vocals dei pezzi sono letteralmente ‘incendiari’ ed entrano subito in testa già a partire dal primo pezzo con ‘Carom’, proprio questo non può che preannunciare la gran qualità del prodotto.

I primi minuti corrono e lo stesso tocca grandi livelli con il brano ‘Ehy Ehy (All Woman Say)’.
Vario nella struttura e nell’arrangiamento, risulta ben curato e definisce la vera attitudine della band, la quale deve riunire al meglio le anime glam, rock e punk del trio.

Merito anche della supervisione del producer Andrea Liberi che, a partire dalla scorsa estate, lavora alle registrazioni di questo puro distillato rock che si può senza dubbio legare alla migliore scena internazionale di questo genere.

I cori, più punk, dell’ultimo pezzo, chiudono un Ep che lascia carichi di adrenalina e tanta voglia di ascoltare il tutto live, non è un caso il titolo del brano sia ‘Drunk Euphoria’… 
Una prova d’esordio ben riuscita!

Voto: 7,5

Vito di Venosa

Please follow and like us:
error

Leave a Comment

Solve : *
28 × 26 =