Radio Punk

Contattaci per aggiungere i tuoi concerti! / Contact us to add your gigs!

Loading Events

« All Events

  • This event has passed.

TAZ FANZE E PUNK | 11 Luglio Milano

July 11

SABATO 11 LUGLIO 2020
TAZ FANZE E PUNK
MILANO AREA (indirizzo verrà svelato il giorno stesso STAY TUNED!)
FREE ENTRY
Dalle 16:00 banchetti con autoproduzioni con

Mastica’zine

Collettivo Mortazza

– Roberta Scomparsa (

Doner Club

)
– BOB

Francesco Antoine

– Holly Heuser
– Marvin Junior
– Fanzina Punk Locale
– 666debole
– Alessandro Gentili / Spazio Canaglia
– Diavola

Francesco Goats

– Serigrafia Fuori Kontatto
– Anna Rella

Memento Mori Serigrafia

MELMA

– abrACABlab

CANE Clothing

– Paskuo
– History of madness
– PURP
– Coleman66

BlondieRiot Art

– MTU
NB: chi volesse venire con un proprio banchetto può scrivere alla pagina FB!

Dalle 18:00 spettacolo teatrale:
Le profezie del marinaio ubriaco, di Bert e Karlee.
Dalle 20:00 concerti PUNX con:
– Tenia (FIRST SHOW!)
– Cospirazione
https://cospirazione.bandcamp.com
– Peep
https://peepgang.bandcamp.com/releases
– Shoki
https://shoki.bandcamp.com
– Wisecrack
https://www.youtube.com/watch?v=CJXiFQ43GLg
– Køntraū
https://www.youtube.com/watch?v=3OmZ0M9oGsk
A seguire DJ SET TRASH fino a tarda notte.
In un mondo scandito dai tempi di produzione e consumo, in cui ingegneri e scienziati giocano con gli equilibri e i ritmi della vita e imprenditori senza scrupoli ne traggono profitto, qualcosa è sfuggito al controllo. Lontano da qui, dove le foreste sono abbattute e gli animali selvatici entrano in contatto con gli allevamenti intensivi, si è sviluppato un nuovo virus che ha messo l’intero sistema in crisi.
Le metropoli, i cuori pulsanti del capitalismo, sono i luoghi dove la scossa è stata più forte e le contraddizioni sono diventate più eclatanti.
Nelle metropoli siamo schiavi dei supermercati: se i flussi delle merci si bloccano, si muore di fame.
Nelle metropoli siamo isolati e atomizzati: il vicino è una spia e le relazioni sono virtuali.
Nelle metropoli siamo anonimi e ammassati: i percorsi sono predeterminati e non c’è spazio per le scelte individuali.
Nelle metropoli siamo ciò che possiamo comprare: il centro è per i ricchi e chi è povero o non si adegua viene inevitabilmente spinto verso i margini.
Nelle metropoli siamo spiati e controllati: telecamere e controlli di polizia sono ordinari.
La quarantena a Milano è stata asfissiante: ogni spazio che non fosse votato alla produzione è stato vietato. Mentre i lavoratori si ammassavano nei magazzini e nelle fabbriche, vietati erano il parco e la piazza, vietati gli incontri e gli affetti e vietata ogni possibile fuga da questa giungla di cemento. Per due mesi ci hanno tolto tutto ciò che rendeva sopportabile la vita in questa città. I divieti sono possibili finché le persone sono disposte a ubbidire, a cosa siamo disposti a rinunciare e quali rischi siamo disposti a correre?
Per una socialità libera dalle logiche di profitto, in questi tempi bui in cui troppo facilmente ci si abitua a chinare la testa, apriamo un piccolo spazio di libertà e autogestione. Una boccata d’aria fresca, contro paura, controllo e repressione.
Corvetto Odia

Venue

Milano area